XVII secolo, Scultura in avorio raffigurante Diana, Francia, periodo Luigi XIV

2.500,00

Questa figura di Diana si basa su un disegno realizzato da Charles Le Brun per la “Grande Commessa” nel 1674 intitolato “Le quattro parti del giorno”. Tra i quattro personaggi è “La sera o Diana” la base iconografica della nostra scultura.
Indubbiamente proviene dalle mani di un maestro raffinato che utilizzando, come molti scultori, il disegno di Le Brun, lo interpreta con grande ricchezza di minuziosi dettagli. La raffinatezza dell’opera ci riporta alla produzione di Dieppe del XVII secolo, con tutto il fervore dell’epoca di Luigi XIV.
Fin dal Medioevo, le prime zanne di elefante provenienti dall’Africa erano dirette al porto di Dieppe.
Fu durante il regno di Luigi XIV (1643-1715) che la città si specializzò e divenne per tutti la città dell’avorio. La fama degli ivoiriers di Dieppe diviene sempre più importante, addirittura rispondendo agli ordini delle corti reali, come David Lemarchand, un intagliatore di Dieppe che lasciò la città in seguito alla revoca dell’editto di Nantes. Per realizzare le loro sculture, gli “ivoiriers” di Dieppe traevano ispirazione a modelli di sculture e dipinti dei grandi maestri, interpretandone anche le incisioni. Di piccole dimensioni, le statuette in avorio di Dieppe misurano generalmente tra i 5 ei 20 cm.
Sculture con soggetti mitologici, come gli dei della mitologia greco-romana, furono realizzate in avorio a partire dalla fine del XVII secolo e fu per questi modelli, oggi molto rari, che la città divenne famosa.

Misure
H cm 16

1 disponibili

Descrizione

Tutti gli oggetti sono accompagnati da fattura elettronica, certificato di autenticità e, secondo i casi, scheda tecnica o expertise.