Pandolfo Reschi, Scena di Battaglia, inizio XVIII secolo

4.300,00

Pandolfo Reschi (nato Pandolf Resch, a Danzica nel 1643, morto a Firenze nel 1699) è un pittore italiano e attivo in Italia. Andò a Roma quando era giovane e divenne uno degli allievi più capaci di Giacomo Borgognone. Dipinse battaglie e imitò i paesaggi di Salvator Rosa. Ha anche eccelso in prospettiva e viste architettoniche. Arrivato a Firenze verso la metà del 1660, continuò i suoi studi con Livio Mehus, Antonio Giusti e Pier Dandini. Nel 1670 fu assunto dalla corte medicea e divenne un protetto del cardinale Francesco Maria de Medici, con il quale visse dal 1680 fino alla fine dei suoi giorni. I suoi dipinti furono molto apprezzati dalle grandi famiglie della nobiltà toscana, in particolare i Gerini. Ha lavorato per la Galleria degli Uffizi sotto la direzione dello studioso fiorentino e architetto Giacinto Marmi.

Il nostro dipinto proviene per eredità da un’importante collezione fiorentina; la famiglia, appartenente alla nobiltà, aveva avuto contatti con Reschi durante il suo soggiorno a Firenze e infatti la qualità pittorica è molto vicina a quella del maestro. Bisogna quindi considerare che non si hanno notizie circa l’esistenza di discepoli o seguaci del Reschi e che il nostro dipinto riprende l’imponente originale conservato nella Galleria di Palazzo Gerini, il che ne suggerisce una versione preparatoria. Non si può fare a meno di notare la vivacità  con cui è stata dipinta la scena, come diceva il Baldinucci in merito alle figurine di Pandoflo Reschi:

” facile cosa è il distinguersi di ogni loro operazione” ; e questo attraverso il fumo denso della battaglia.

Il dipinto è in ottimo stato di conservazione ed è presentato nella sua cornice originale in legno dorato.

Misura della tela cm 40 x 50
Misura del telaio cm 50 x 61,5

Il dipinto è accompagnato dal libro monografico “Pandolfo Reschi” di Novella Barbolani di Montauto.

1 disponibili

Descrizione

Tutti gli oggetti sono accompagnati da fattura elettronica, certificato di autenticità e, secondo i casi, scheda tecnica o expertise.