Orologio detto Religiosa Cassa di André Charles Boulle Movimento di Louis Ourry

6.800,00

Orologio Luigi XIV del tardo XVII secolo, modello detto religiosa, cassa di qualità eccezionale uscita dalla bottega di André Charles Boulle intarsiata in bronzo dorato e tartaruga rossa, firmato Louis Ourry à Paris sul quadrante e sulla piastra posteriore.

Dalla metà del 17 ° secolo, l’orologio Luigi XIV fece la sua comparsa in Francia sostituendo gli “horloge à Foliot”. La religiosa e il cartel Luigi XIV sono i modelli di punta del regno del Re Sole.
La cassa dell’orologio, rettangolare, è sormontata da un frontone a terrazza decorato da torce infuocate. È incorniciato da lesene e intarsiato in intarsio Boulle in tartaruga rossa, impreziosito da bronzi dorati e cesellati e da filettature finemente incise a bulino. Il quadrante è in bronzo dorato con placche smaltate.
Il nome dato all’orologio deriva probabilmente dalla sua forma: con i suoi pilastri e i suoi archi sembra la facciata di una chiesa.

Louis OURRY, nato a Blois, † Parigi 1699. Figlio di Jacques, farmacista e di Marie Lepelletier. Sposato con Suzanne Guineau. Protestante. Nominato maestro orologiaio a Parigi con sede in Quai Pelletier (1684). La sua vedova è registrata Quai des Orfèvres nella Ville de Blois, dove ha continuato l’attività del defunto marito.Nel dicembre 1700, durante la procedura d’ inventario nei suoi locali commerciali, diciassette orologi furono trovati in violazione dell’editto “somptuaire” secondo cui popolo e nobiltà dovevano fondere ogni oggetto in oro e argento per finanziare le casse dello stato.
Ourry ha usato le casse di André Charles Boulle e il presidente di Montholon era
uno dei suoi clienti.
Musei: Londra, British Museum; Parigi, Musée du Louvre, Musée des Arts
Décoratifs, Bibliothèque Mazarine; Versailles, castello.

Cassa di qualità eccezionale finemente restaurata, il movimento viene revisionato prima della consegna da un orologiaio specializzato.

Misure
H cm 50
L cm 28
P cm 14

1 disponibili

Categoria:

Descrizione

Tutti gli oggetti sono accompagnati da fattura elettronica, certificato di autenticità e, secondo i casi, scheda tecnica o expertise.