Monetiere Veneziano in Legno Laccato e Dorato, Decoro alla Persiana, XVI secolo

12.500,00

Eccezionale monetiere in legno laccato e lumeggiato in oro, Venezia, ultimo quarto del XVI secolo.
La facciata architettonica è concentrata su un timpano sorretto da colonne che ricorda un tempio antico, affiancato da cassetti. Il colonnato nasconde un cassetto segreto.
Tutta la superficie è laccata e dorata su fondo bruno con una decorazione chiamata “alla persiana”.

Questo monetiere è decorato con la “lacca dorata”, una tecnica che imita nella composizione, nella tecnica di esecuzione e nei motivi ornamentali quella degli oggetti laccati del Vicino Oriente, turco-ottomano e persiano.

Per molto tempo, gli studi dedicati alla lacca europea si sono concentrati sulla lacca a cineseria del XVIII secolo, imitazione dell’Estremo Oriente, della Cina e del Giappone.

Il professor A. González-Palacios ha recentemente dimostrato che le prime lacche prodotte in Europa furono realizzate a Venezia nella seconda metà del XVI secolo, sotto l’influenza di modelli del mondo musulmano.

In questa storia di scambi culturali tra Venezia e l’Oriente islamico e la sorprendente aderenza delle botteghe della Serenissima ai modelli di arte islamica trasferiti su oggetti di concezione occidentale, un ruolo fondamentale è stato svolto dai legami i, il principale strumento di trasmissione agli artigiani veneziani . tecniche e motivi ornamentali orientali. La pura sontuosità e lo splendore dei manoscritti islamici e delle associazioni turco-ottomane e persiane spiegano l’impatto di queste opere sugli artigiani lagunari e il ruolo svolto dagli umanisti nella diffusione di questa arte.

La connessione tra infissi islamici e oggetti laccati veneziani non è mai stata così chiara come negli armadi veneziani le cui facciate esterne sono progettate come rilegature incorniciate.

C’è un piccolo timbro di famiglia in ferro battuto attaccato al cassetto.

Misura

L cm 27
W Cm 16
H cm 25

1 disponibili

Descrizione

Tutti gli oggetti sono accompagnati da fattura elettronica, certificato di autenticità e, secondo i casi, scheda tecnica o expertise.