Grande Scultura Rinascimentale in Pietra Serena, Firenze, XVI secolo

6.800,00

Scultore fiorentino del XVI secolo, levriero in pietra serena.

Questa affascinante scultura, giunta fino a noi in uno stato frammentario, rappresenta un cane, un elegante levriero accovacciato, con la testa alzata in un minaccioso latrato. La pregevole fattura testimonia la mano di uno scultore di grande livello, attivo nella prima metà del Cinquecento a Firenze.
La pietra serena è una pietra autoctona toscana che veniva estratta sulle colline sopra Firenze, precisamente a Fiesole. Osservato per secoli sotto forma di elementi architettonici, nella Firenze del XV secolo fu scelto come materiale da plasmare nelle forme sinuose della scultura. La sua compattezza e l’omogeneità dei materiali, nonché il caratteristico cromatismo contribuiscono a rendere l’effetto scultoreo particolarmente elegante e delicato, tanto da prestarsi ad interessanti sperimentazioni compositive nelle mani esperte di scultori come Donatello, Geri e Desiderio da Settignano. Sono loro che mostrano alla città che conosce la pietra serena attraverso le rivoluzionarie architetture di Filippo Brunelleschi, come può contenere anche vigorose forme animali, viventi tableaux di figure a grandezza naturale, dolci profili di donne e di bambini.

La pietra grigia dona all’animale una nuova maestosità, vitalità e solenne eleganza grazie all’espressività del volto. Splendida patina secolare integra.

Misurare

Lcm 70
Pcm 30
Hcm 45

1 disponibili

Descrizione

Tutti gli oggetti sono accompagnati da fattura elettronica, certificato di autenticità e, secondo i casi, scheda tecnica o expertise.