Grande scultura neoclassica in alabastro di Venere accovacciata

6.000,00

Grande scultura in alabastro di Volterra rappresentante una Venere accovacciata secondo l’antico, Italia, XIX secolo.

Questa scultura appartiene al tipo della “Venus Pudica”, generalmente rappresentata in piedi. È il gesto di modestia della dea che ha ispirato il nome di questa scultura emblematica. Lascia lo spettatore libero di ammirare la sua bellezza, appena velata da un gesto aggraziato…accovacciata con il ginocchio destro su una roccia e piegando la gamba sinistra dietro la quale si trova una brocca d’acqua, il corpo sensuale mostra le sue curve voluttuose in un sottile effetto di torsione circondato dalle braccia delicatamente lascive, il petto è modellato con cura e tre ciocche ondulate di capelli scendono lungo la schiena…
La figura di questa Venere è nota dall’antichità, ripresa dal XVII secolo dallo scultore francese Antoine Coysevox.
È un modello affascinante per la difficoltà di scolpire il corpo umano in un movimento di torsione così complesso.

Questa Venere è stata scolpita in alabastro di Volterra, materiale conosciuto fin dai tempi degli Etruschi, molto apprezzato per il suo colore caldo tendente all’avorio. A differenza del marmo, che richiede bozzetti preparatori riportati sulla pietra prima di scolpirla (i cosiddetti punti), l’alabastro è scolpito di getto, quindi è un materiale che dimostra l’abilità dello scultore che lo ha scolpito. . Nel nostro caso uno scultore di altissimo livello, come testimoniano non solo la qualità scultorea ma anche dettagli come piedi e mani fuori misura.

Misura
Altezza cm 65
Base cm 31 x 20

1 disponibili

Descrizione

Tutti gli oggetti sono accompagnati da fattura elettronica, certificato di autenticità e, secondo i casi, scheda tecnica o expertise.